Navigazione veloce
I.T.I. "P. Hensemberger" Monza > Generazione Web 3

Generazione Web 3

Progetto Generazione Web3 ITI P. Hensemberger Monza

 prima

A seguito del finanziamento concesso al nostro Istituto dalla Regione Lombardia in attuazione alla delibera della Giunta n. 1080/2013 relativa alla realizzazione nelle  istituzioni scolastiche  di progetti innovazione tecnologica per la didattica, l’istituto Hensemberger ha coinvolto 10 classi (5 seconde e 5 terze di ogni specializzazione compreso il liceo delle scienze applicate).

 

Con il contributo ottenuto è stato realizzato quanto segue:

  • Installazione in 10 aule di lavagna e video proiettore interattivo con SW di supporto
  • 1 PC ogni aula per gestione LIM del video proiettore
  • fornitura di tablet Ipad mini completi di cover per ogni studente (250) e per ogni docente (50) dei CdC coinvolti nel progetto
  • gestione centralizza MDM per i dispositivi mobili su server MAC in Istituto
  • implementazione di 3 MAC mini in rete MDM per la realizzazione di un piccolo laboratorio per la produzione di contenuti multimediali per la didattica.

Nell’ambito di una realtà  tecnologica che evolve in maniera quasi frenetica con la scuola che rischia di proporre metodi di insegnamento non al passo coi tempi  questa sperimentazione è un’occasione per provare a ridurre queste distanze, assecondando le aspettative e i comportamenti dei ragazzi della “generazione web” e nel contempo innovare il modo di fare scuola.

seconda

Si tratta di applicare e sviluppare una “didattica digitale”  per “nativi digitalicome vengono definiti oggi i ragazzi dai sociologi,  basata su risorse e sussidi (materiali didattici, libri di testo, documentazione e archiviazione online, ecc.) non cartacei. Studenti e insegnanti hanno a disposizione uno strumento informatico (tablet iPad) dotato delle applicazioni necessarie per svolgere lezioni, esperienze laboratoriali e altre attività didattiche, sia a scuola che a casa.

La didattica, pur diversificata per tematiche e metodologie di lavoro, prevede l’utilizzo di dispositivi mobili con connessione wifi; proiettore, PC di aula che interagiscono con piattaforme SW di e-learning  in modo da creare un ambiente virtuale a disposizione della classe.  Studenti e i docenti sono titolari di account personali e collettivi per l’accesso ad un ambiente “cloud“, dove sono condivisi i materiali didattici che possono essere fruiti liberamente dagli iscritti in qualsiasi momento della giornata (orario scolastico ed extrascolastico).

Le lezioni sono svolte con l’utilizzo, oltre i testi scolastici cartacei e  digitali, di sussidi e contenuti reperiti in rete o prodotti sviluppati ad hoc dai docenti, che integrano le normali fonti, ma anche costituiscono risorse, modelli ed esempi (con attenta selezione da parte degli insegnanti) aggiuntivi.

Che cosa ci si attende,

  • rinforzo della competenza digitale negli studenti, tramite un maggiore utilizzo delle nuove tecnologie nell’ambito didattico e per la comunicazione
  • miglioramento dei risultati didattici sia nelle materie di studio che in quelle progettuali-operative di indirizzo
  • aumento della capacità di produrre documentazione del lavoro programmato e svolto, anche con tempestivo feedback, in modo da creare materiale consultabile e sfruttabile per esperienze future
  • stimolo allo sviluppo del lavoro in team da parte del cdc, ampliando la condivisione dei materiali e l’interazione fra docenti
  • migliore integrazione degli alunni con disturbi specifici di apprendimento.